5

Intervista ai WOES

Con questo articolo approfondiamo la conoscenza dei Woes, in gara ai LMA 2016 per la categoria Best Demo con la canzone “Emmabrain”.

CLICCA QUI PER ASCOLTARE LA CANZONE E VOTARLI!

Di cosa parla la canzone con cui partecipate al contest?

“Emmabrain” vuole raccontare il disagio che provano le persone nel dover cambiare. Rimanere ancorate alla propria vita per paura di rischiare e rifiutare il cambiamento perché è più facile e comodo far finta che vada tutto bene anche se sappiamo che non è così. Questo disagio crea una situazione di angoscia nella mente di Emma, che è divisa appunto fra l’abbandonare tutto e la paura di rimanere in trappola.

 

Parlateci del vostro progetto/band. Che genere fate? Quali sono i temi principali delle altre vostre canzoni? Quali sono i vostri punti di forza e quali invece gli aspetti su cui volete migliorare?

Il nostro “genere” è dato dalla fusione dell’elettronica e della musica strumentale. Si potrebbe dire che è la fusione fra la IDM (intelligent dance music), Chill out, Micro house da una parte e l’ambient e l’indie dall’altra. I temi delle nostre canzoni variano, spesso non abbiamo testi in quanto i brani sono strumentali, quindi cerchiamo di far parlare soltanto la musica tramite l’evoluzione delle dinamiche del pezzo. Nei brani cantati non abbiamo un tema ricorrente, ci facciamo trasportare per raccontare qualcosa che al momento ci rappresenti. Il nostro punto di forza sicuramente sta nell’originalità dei brani e nella scelta dei suoni, oltre che alla voglia di sperimentare senza limiti. Fra le tante cose ancora da migliorare, sicuramente la sicurezza e l’approccio al Live è l’aspetto difficile da acquisire completamente.

 

Avete 3 desideri per migliorare la scena musicale livornese. Cosa chiedete? 

La scena musicale livornese è tanto ampia quanto la mentalità delle persone che ci vivono. Per migliorare il tutto servirebbe che i gruppi si ascoltassero più fra loro aiutandosi invece di affossarsi l’un l’altro, che ci fossero più occasioni e luoghi per esibirsi e rendere partecipi i gruppi e le persone che hanno voglia di sentirli. Cercare di creare ambienti dove chi viene ad ascoltare si diverta e non pensi esclusivamente alla tecnicità del brano o alla bravura di chi lo interpreta.

 

CLICCA QUI PER ASCOLTARE LA CANZONE E VOTARLI!

 

Un pensiero riguardo “Intervista ai WOES

Lascia un commento